Il Pezzo Etneo

“Domenica Spartà politica parente di mafiosi”. «Nessuna diffamazione dal Pezzo»
Gip archivia la querela della consigliere a Gravina di Catania in quota Giammusso

La consigliere comunale di Gravina Domenica Spartà ci aveva querelato per diffamazione perché, a suo dire, nell'articolo Gravina, Massimiliano Giammusso sindaco e il caso Domenica Spartà. Così un’autonomista parente di mafiosi è diventata consigliere con FdI pubblicato il 20 giugno 2023 «si ledeva la sua reputazione nonché il suo decoro, in quanto veniva etichettata come un politico parente di mafiosi che aveva ottenuto i voti per salire in consiglio solo perché il padre era conosciuto come Zio Nino». Martedì il gip ha messo la parola fine al procedimento e all'opposizione presentata dalla stessa Spartà alla precedente richiesta di archiviazione del pubblico ministero. «Il contenuto dell’articolo - si legge nell'ordinanza con cui il giudice archivia il procedimento - concerneva un'analisi del voto della precedente tornata elettorale nel Comune di Gravina, in cui si è registrato il passaggio di un politico da un partito a un altro con elementi di fatto che potevan...

02 Maggio 24
Leggi l'attacco...
Oggi alle 19.30 in via Siena nella sede di CittàInsieme, l’associazione fondata da padre Resca e presieduta da Mirko Viola, si terrà un dibattito tra candidati alle elezioni europee. Hanno confermato la loro partecipazione:  Sonia Alfano (Azione), Raniero La Valle (Pace Terra Dignità), Matilde Montaudo (Movimento cinque Stelle), Leoluca Orlando (Alleanza Verdi e Sinistra), Ruggero Razza (Fratelli d’Italia), Lidia Tilotta (Partito Democratico). Sarà l’occasione p...

Trantino: il padrino ballerino che imita i buoni senza riuscirci
Consiglio e giunta si interroghino sui voti, non lo adulino

Tutti i soprannomi affibiati a Trantino nel ruolo di un sindaco che non c'è e per questo viene elogiato. La parabola del figlio innamorato che chiede il cuore alla madre per darlo in pasto ai cani dell'amata. Invece di compiacerlo, i consiglieri comunali dovrebbero chiedersi da chi ha preso i voti il sindaco amico della Catania da bere, quelli vicino a certi ambienti. Dovrebbero chiedersi perché via Gemmellaro sembra terra di nessuno dove gli amici della politica possono fare quello che vogliono. E ancora dovrebbero chiedersi che rapporti ci sono tra gli eredi dei cavalieri del lavoro, mafia e politica comunale. Insomma dovrebbero fare i politici, quelli veri, non di facciata

16 Maggio 24

San Giorgio, allestiscono un minimarket della droga nel quartiere Duro colpo al mercato degli stupefacenti: arrestati due pusher catanesi

Scattato il blitz, i militari hanno immediatamente bloccato i clienti, precipitandosi quindi verso l’ingresso dell’abitazione, già socchiuso poiché gli spacciatori, vedendoli dalle telecamere, erano in attesa dei tre ragazzi. Fatta irruzione in questo modo all’interno del piccolo appartamento, i Carabinieri si sono subito trovati di fronte ad un enorme tavolo di legno, allestito con cocaina, marijuana, ed hashish, già suddivise in dosi, oltre a bilancini di precisione e materiale da confezionamento, così da poter soddisfare le diverse richieste. I due pusher, ormai braccati, non hanno potuto fare altro che consegnarsi

L’incendio Cioccolato & Cafè è stato appiccato dal proprietario e dal suo complice I due sono stati arrestati. Coinvolta anche una terza persona

Misure cautelari per tre persone: un 40enne, un 42enne e un 39enne che avrebbero fatto esplodere delle bottigliette molotov all'interno del locale

26 Maggio 24

Gravina, la distesa di rifiuti sui terreni che vanno in fiamme ogni anno
Assessore Santoro: «Lunedì il sopralluogo per programmare bonifica»

La siccità e la prevenzione dai roghi. Al confine tra Gravina e Mascalucia c'è una zolla di terra che va a fuoco ogni estate. Ma il Comune non ha mai bonificato l'area. Il nodo al fazzoletto dell'assessore all'Ambiente

“Domenica Spartà politica parente di mafiosi”. «Nessuna diffamazione dal Pezzo»
Gip archivia la querela della consigliere a Gravina di Catania in quota Giammusso

Per un articolo pubblicato il 20 giugno 2023 sul Pezzo Etneo avevamo ricevuto una querela per diffamazione perché, a dire della consigliera, «il contenuto ledeva la sua reputazione e il suo decoro» perché scrivevamo che «aveva ottenuto i voti per salire in consiglio solo perché il padre era conosciuto come Zio Nino». Una questione che il Tribunale di Catania ha deciso di archiviare perché «non viene meno la continenza espressiva nel contenuto dell’articolo utilizzata dal giornalista, che seppur caratterizzata da un certa ironia giornalistica, non trasmoda in alcun modo in frasi dal tenore offensivo o denigratorio, essendo rispettati i limiti della continenza espositiva, dell’interesse pubblico e del diritto di cronaca, atteso che si riferisce a vicende giudiziarie concrete e documentate». Si ringraziano gli avvocati Goffredo D'Antona e Matteo Fiorenza per l'assistenza legale

02 Maggio 24

Trantino: il padrino ballerino che imita i buoni senza riuscirci
Consiglio e giunta si interroghino sui voti, non lo adulino

Tutti i soprannomi affibiati a Trantino nel ruolo di un sindaco che non c'è e per questo viene elogiato. La parabola del figlio innamorato che chiede il cuore alla madre per darlo in pasto ai cani dell'amata. Invece di compiacerlo, i consiglieri comunali dovrebbero chiedersi da chi ha preso i voti il sindaco amico della Catania da bere, quelli vicino a certi ambienti. Dovrebbero chiedersi perché via Gemmellaro sembra terra di nessuno dove gli amici della politica possono fare quello che vogliono. E ancora dovrebbero chiedersi che rapporti ci sono tra gli eredi dei cavalieri del lavoro, mafia e politica comunale. Insomma dovrebbero fare i politici, quelli veri, non di facciata

16 Maggio 24

San Giorgio, allestiscono un minimarket della droga nel quartiere Duro colpo al mercato degli stupefacenti: arrestati due pusher catanesi

Scattato il blitz, i militari hanno immediatamente bloccato i clienti, precipitandosi quindi verso l’ingresso dell’abitazione, già socchiuso poiché gli spacciatori, vedendoli dalle telecamere, erano in attesa dei tre ragazzi. Fatta irruzione in questo modo all’interno del piccolo appartamento, i Carabinieri si sono subito trovati di fronte ad un enorme tavolo di legno, allestito con cocaina, marijuana, ed hashish, già suddivise in dosi, oltre a bilancini di precisione e materiale da confezionamento, così da poter soddisfare le diverse richieste. I due pusher, ormai braccati, non hanno potuto fare altro che consegnarsi

L’incendio Cioccolato & Cafè è stato appiccato dal proprietario e dal suo complice I due sono stati arrestati. Coinvolta anche una terza persona

Misure cautelari per tre persone: un 40enne, un 42enne e un 39enne che avrebbero fatto esplodere delle bottigliette molotov all'interno del locale

26 Maggio 24

Gravina, la distesa di rifiuti sui terreni che vanno in fiamme ogni anno
Assessore Santoro: «Lunedì il sopralluogo per programmare bonifica»

La siccità e la prevenzione dai roghi. Al confine tra Gravina e Mascalucia c'è una zolla di terra che va a fuoco ogni estate. Ma il Comune non ha mai bonificato l'area. Il nodo al fazzoletto dell'assessore all'Ambiente

Articoli Recenti
Articoli Recenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto